Come scegliere il momento per vendere il proprio oro usato

La quotazione dell’oro è molto variabile, per questo motivo se si vuole vendere dell’oro usato bisogna vedere la fluttuazione della sua quotazione e optare per il giorno migliore per liberarsi dei propri oggetti e recuperare qualche soldo. Camminando per le strade spesso nei compro oro e nelle gioiellerie capita di constatare che anche i negozi nella stessa giornata possono avere prezzi differenti.

La quotazione dell’oro viene espressa in dollari per oncia troy, che corrisponde circa a trentuno grammi. La borsa londinese fissa un prezzo due volte al giorno, si tratta del fixing, ovviamente con riferimento all’oro puro. Nel caso si voglia vendere degli oggetti d’oro questi vengono valutati come usati e non possono raggiungere le stesse quotazioni, valgono molto meno.

Deve essere chiaro quindi che quando si vende qualcosa, che sia un anello o un bracciale il valore che percepiremo non sarà mai pari al valore di acquisto che comprende oltre al valore dell’oro la sua manodopera e lavorazione. Quindi si può considerare un’oscillazione di 2/3 euro rispetto al prezzo fissato da Londra. Per il peso che viene inoltre calcolato dal negoziante è bene tenere in considerazione che eventuali pietre o aggiunte saranno eliminate perché il peso esclusivo è quello dell’oro.

Non sempre vendere è un affare, il valore può raggiungere picchi e quotazioni molto interessanti, ma anche precipitare e quindi essere un momento pessimo per vendere.
Per scegliere un compro oro o una gioielleria a cui affidare i propri preziosi per una valutazione è bene optare per qualcuno che si conosce e di cui si ha fiducia, ancora meglio se è trasparente sulle quotazioni di oro e argento che vengono applicate.
Infatti molto spesso capita di sentire storie di persone truffaldine che tramite la loro attività hanno volutamente manomesso bilance e altro per arrotondare.

L’oro ovviamente è sempre un buon investimento, la sua quotazione è variabile ma rappresenta ancora oggi un business molto importante in cui la produzione ha toccato livelli record. Il produttore più grande al mondo è la Cina che dal 2014 è diventato leader mondiale per la forte domanda. Ad influenzare il valore dell’oro è il tasso nazionale, quando il prezzo sale il prezzo dell’oro scende, il tasso principale è definito dalla FED la banca centrale Americana che dirige i mercati globali. Anche domanda e offerta servono a determinare il prezzo e la sicurezza per la vendita o l’acquisto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

* Copy This Password *

* Type Or Paste Password Here *